Area Riservata


Mercati Saraceni

Un beneficio religioso di origine settecentesca venne creato, nella località oggi denominata Madonna di Mare, per iniziativa dei feudatari principi di Tarsia. Essi ottennero la possibilità di organizzare qui una fiera dall'1 al 3 maggio. Proprio in questa località, infatti, si trova il complesso mercantile che nel corso del Settecento fu sede di quella fiera, una delle più importanti del comprensorio, la fiera di Santa Croce, che richiamava, per la ricchezza e la qualità delle mercanzie, le vicine popolazioni arberesh (Carfizzi, San Nicola dell'Alto, Pallagorio). All'inizio del XIX secolo, a causa delle invasioni turche che interessarono l'intera fascia ionica, la fiera venne interrotta. Si narra infatti che, pro­prio nel corso della cerimonia d'apertura, alla presenza del principe giunto da Napoli e di una numerosa comunità di mercanti, la fiera venne cannoneggiata da navi turche, forse per questo i mercati portano il nome di mer­cati saraceni. Formati da due file di arcate in pietra che un tempo servivano al posteggio-merci, dopo la loro ristrutturazione, ultimata nel 1990, sono divenuti scenario di attività artistiche e teatrali.
Durante la festa patronale, che si svolge dal'8 al 10 maggio, la statua di San Cataldo viene portata in questo luogo, dove rimane all'interno di una chiesetta per un'intera notte.

RSS
Cirà Marina - M...
Dettaglio Scarica Foto
Cirà Marina - M...
Dettaglio Scarica Foto
Cirà Marina - M...
Dettaglio Scarica Foto
Cirà Marina - M...
Dettaglio Scarica Foto
Cirà Marina - M...
Dettaglio Scarica Foto
Cirà Marina - M...
Dettaglio Scarica Foto
Cirà Marina - M...
Dettaglio Scarica Foto
Cirà Marina - M...
Dettaglio Scarica Foto
Cirà Marina - M...
Dettaglio Scarica Foto
Cirà Marina - M...
Dettaglio Scarica Foto
Cirà Marina - M...
Dettaglio Scarica Foto
 
 
Powered by Phoca Gallery